Confronto Mobili – Corvatta questa sera su TVRS

Stasera alle ore 21 su TVRS canale 111 del digitale terreste faccia a faccia tra il candidato sindaco Tommaso Claudio Corvatta, ed il sindaco uscente Mobili Massimo.

La trasmissione sarà replicata domani alle ore 12:15 e alle 20:30 ed il giorno 07 Aprile alle ore 13:15.

Per seguire la diretta in streaming: clicca qui

Annunci

Verso le elezioni: domani si conosceranno tutte le liste

Continua la marcia di avvicinamento alle elezioni comunali. Scade domani il termine ultimo per la presentazione delle liste elettorali. Tra le novità da segnalare c’è l’appoggio da parte della Lega Nord al sindaco uscente Massimo Mobili. 18 i nomi in lista per il partito del carroccio (vai alle liste).  Sono dunque 5 le liste in appoggio di Mobili: LiberaVince Civitanova, Pdl, Insieme per Civitanova e, l’ultima arrivata, Lega Nord.

Per quanto riguarda il centrosinistra ancora non si hanno certezze sulle liste che appoggeranno la candidatura di Claudio Tommaso Corvatta. Per il momento ci sono: Uniti per Cambiare, IDV, SEL e PD e l’ultima arrivata “Federezione della Sinistra”.

Per quanto riguarda il PD ufficializzata la lista dei candidati presentata e approvata sabato scorso (Fonte: Cronache Maceratesi): Silenzi Giulio, Micucci Francesco, Bacaro Emilia, Angelini Daniele Maria, Consiglio Mirta, Cognigni Sergio, Franco Mirella, Colucci Antonio, Iezzi Lidia, Di Feo Nicola, Manili Maria, Mariani Davide, Marinelli Silvia, Morresi Giorgio, Rutili Roberta, Ninonà Luigi, Sglavo Antonella, Postacchini Gustavo, Tessitore Natalia, Ribichini Giovanni, Riccione Angelomaria, Rosati Yuri, Tordini Tarcisio, Vallesi Alessandro.

Presentata la scorsa settimana la candidata sindaco per l’UDC,  Laura Ruggeri, che nel corso della sua animata conferenza (leggi l’articolo) ha illustrato il programma riguardante famiglia, sociale, imprese e verde pubblico. Presentati alcuni dei candidati in lista tra cui l consigliere uscente Simone Garbuglia, Paolo Polidori, Marino Miccini, Francesco Sagretti, Piero Natalini, Marco Caserta e Gabriele Troiani (ex Ancora).Tra i nomi presenti in lista mancano al momento quelli di Perugini, Biritognolo e Taffoni.

Confermato l’arrivo di Beppe Grillo in città per supportare il MoVimento 5 Stelle, il 12 aprile (evento gratuito). Probabilmente quello di Grillo non sarà l’unico passaggio di un “big” a Civitanova nei giorni che precederanno le elezioni.

Entro domani si sapranno tutti gli schieramenti. Che la sfida abbia inizio.

DA CRONACHE MACERATESI Popsophia: “Se Civitanova non ci vuole toglieremo il disturbo”

«Nessuno va in Paradiso a dispetto dei santi»: è questa la metafora scelta da Vando Scheggia, vice presidente dell’associazione culturale Popsophia e responsabile di Popcrime, sezione speciale inserita all’interno di “Le idee di marzo”, evento di avvicinamento a Popsophia, per rispondere a Tommaso Claudio Corvatta, candidato sindaco di Civitanova che ha parlato di spot elettorali a spese dei cittadini

«Non è la prima volta che dal centro sinistra arrivano degli attacchi – precisa Scheggia – che fanno leva sui costi e vorrei anche puntualizzare che la nostra associazione non ha colore politico. Corvatta parla di scuole e di strade da asfaltare ma  se sarà eletto Sindaco, con quello che il Comune di Civitanova ha speso per Popsophia, asfalterebbe qualche decina di metri di strada mentre con i fondi per “le idee di marzo” non farebbe che un paio di metri». Di seguito arriva una promessa che ha tutto il sapore di una minaccia nonostante il tono misurato che Scheggia, esperto del Foro, utilizza: «Per quanto riguarda il 2012, l’iniziativa andrà avanti come da programma. Nel 2013, se Corvatta sarà Sindaco, toglieremo il disturbo, sapendo che ci sono realtà tra le quali magari anche Macerata che metterebbero volentieri a disposizione le proprie strutture. In passato in molti hanno già chiesto Popsophia». Quello che proprio Scheggia non ha digerito è che Corvatta ha puntato il dito sui costi. «Mi vedo costretto a sottolineare che non è vero che Popsophia costa molto e non è vero che non ha successo. L’unico ad avere un rimborso spese, visto che dedica 18 ore al giorno al Festival, è il direttore artistico che comunque riceve una cifra che non copre le spese che sostiene. Rispetto a quello che Popsophia riesce a mettere insieme e rispetto all’indotto che produce, si spende poco perchè si coinvolgono sponsor importanti che fanno sì che il contributo comunale sia esiguo». Visto che si è parlato di un fidanzamento tra Popsophia e Macerata Opera Festival, esiste la possibilità che Popsophia si trasferisca a Macerata? Il vice presidente non si sbilancia: «Sono molti i comuni delle Marche che ci hanno già contattato, valuteremo il da farsi».

Fonte: Cronache Maceratesi (articolo di Alessandra Pierini)

Un’incontro in difesa dei beni comuni

Questa sera, venerdi 30 Marzo, presso l’Hotel Miramare alle 21, si svolgerà l’incontro in difesa dei beni comuni con la partecipazione dei comuni virtuosi, associazione dei comuni che si sono prefissati i rifiuti 0 nel 2020.

L’iniziativa raccoglie gli interventi dei cittadini sul web, relativamente alle idee e alle attività che potrebbero essere messe in atto per migliorare il programma-progetto del centro sinistra alternativo al centro destra, nel segno della discontinuità costruttiva.

Inoltre, tutti i venerdì di Aprile alle 21, nella sala Cecchetti della bilbioteca Silvio Zavatti Di Civitanova Marche, i candidati di CLP della lista “Uniti per Cambiare” incontreranno i cittadini che vorranno interloquire con loro e con il candidato sindaco Tommaso Claudio Corvatta, unitamente agli altri candidati della lista civica per proporre alcuni progetti di facile attuazione e con poca spesa ; come la prosecuzione/ampliamento di biblioexpress, il cultural bus, giocando s’impara, relativamente alla sfera sociale e culturale. La senior city per l’accoglienza e la cura degli anziani attraverso un patto generazionale, con lo strumento della banca del tempo. La bacheca multimediale, una sorta di sportello di ascolto e trasparente attività dell’amministrazione sono stati proposti da Diego De Carolis e Tiberio Pantanetti, la riforma dei comitati di quartiere con un osservatorio dei diritti e il bilancio partecipato, da numerose associazioni.