Pier Paolo Rossi: I motivi dell’addio al PD

“Questi giorni concludono un percorso, un progetto che ho iniziato un anno e mezzo fa quando ho deciso di iscrivermi al Partito Democratico e partecipare al Congresso cittadino per l’elezione del Segretario locale. Seppur schierato nella lista in competizione con quella relativa all’eletto Segretario Silenzi ho avuto sin da subito l’onore di partecipare al coordinamento cittadino e di entrare a tutti gli effetti nel gruppo “dirigenziale” del PD civitanovese.

Credo, in questi 18 mesi, di aver fatto un buon lavoro per la mia crescita personale e per quella del partito democratico stesso: in poco tempo sono riuscito a tessere una rete di rapporti amichevoli con tutti i più autorevoli soggetti politici di riferimento, a livello cittadino e provinciale, dentro e fuori il PD; ho cercato di “combattere” delle piccole battaglie all’interno del partito, per cercare di legittimare il sacrosanto diritto di pensiero individuale ed alternativo anche sulla base dei principi statutari di pluralità; soprattutto ho cercato di combattere battaglie al di fuori del recinto PD, contro chi provocava, punzecchiava, attaccava il PD (si ricordino gli alterchi con esponenti di altri partiti) e i dirigenti stessi (si rammentino le parole spese in difesa di un dirigente PD “beccato” ad una cena clandestina con dirigenti dell’IDV) o contro chi in maniera discutibile stava amministrando la nostra città (l’uso privatistico del Teatro “Annibal Caro” per banchetti di nozze, la scoperta di una “celata” centrale a biomasse a S.M.Apparente, le mai smentite bugie del Sindaco Mobili sui dati economico-turistici della città, la vicenda dello spreco di denaro pubblico riguardante i locali per le associazioni in via Calatafimi, e altre decine di argomenti evidenziati ) proponendomi sulla stampa e soprattutto in maniera alternativa sulla rete.

Ho cercato, parlandone inizialmente al partito stesso (snobbato nella maniera più assoluta!), dei mezzi diversi per tentare di aprirsi alla cittadinanza, alla base e cercare di dare una immagine più aggiornata, più moderna del PD cittadino; ho gettato, con l’aiuto di amici, le fondazioni per la crescita di una “piattaforma”, democratica e concreta, di dialogo tra i cittadini interessati alla politica con la “P” maiuscola (quella relativa alla città) attraverso l’apertura di un gruppo su facebook da cui poi sono nati altri profili, siti internet ed associazioni culturali e da cui poi si è auto generato il risveglio di un nuovo senso civico, democratico, partecipativo da parte dei civitanovesi. Prendo atto però, con estremo rammarico, della determinazione del Segretario Silenzi nel non aver sostenuto la mia candidatura nelle liste del PD assumendo politicamente infondate ragioni di opportunità. L’accusa è quella di lesa maestà nell’aver agito in modo critico, ma sempre diligente (da provare concretamente l’azione screditante nei confronti del Segretario e del partito di cui mi si accusa), rispetto alla linea politica della Segreteria e rispetto alla candidatura alle Primarie dello stesso Silenzi da me ritenuta non vincente (il risultato delle primarie non m’hanno dato torto!); ho assistito quindi sostanzialmente ad una mia esclusione dalla vita politica attiva del PD e dalla possibilità di rappresentare all’interno del partito e nella vita amministrativa di questa città quelle idee che probabilmente avrebbero potuto arricchire tutti nel confronto e nel dibattito che in genere caratterizzano la vita democratica.

A chi, durante l’ultima assemblea degli iscritti che ha ratificato la lista dei candidati consiglieri del PD, si è stupito del fatto che chi si era, in questi 18 mesi, molto spesso trovato in disaccordo con la linea della Segreteria chiedesse comunque la rappresentatività nel partito rispondo che al CAPO I, art. 1, comma 6 dello Statuto Nazionale è citato che “Il Partito Democratico riconosce e rispetta il pluralismo delle opzioni culturali e delle posizioni politiche al suo interno come parte essenziale della sua vita democratica…”; aggiungo che il Partito Democratico è un partito nazionale e chi ne chiede la rappresentatività lo fa soprattutto in base alla condivisione dei principi statutari e non in base alla imposta affiliazione alla Segreteria locale. Per questi motivi con rammarico, mi sono visto costretto a dare le dimissioni da tutte le cariche di partito ritenendo di poter dare il mio contributo politico alla vita amministrativa di questa città in liste civiche e al fianco di persone, come Tommaso Corvatta, che possano apprezzare le mie idee (che mi consentano soprattutto di esprimerle con l’aspettativa di essere ascoltato) o che comunque riescono a considerare il mio fare politico una risorsa e non un ostacolo; questo comunque con la speranza che in un prossimo futuro il PD vorrà riconsiderare le sue posizioni aprendosi a tutti e non solo a coloro che sono solidali col suo Segretario.”

Pier Paolo Rossi

 Ex Membro del coordinamento del PD – Civitanova Marche
Annunci

“10 DOMANDE PER IL NOSTRO FUTURO SINDACO”

In evidenza

“10 DOMANDE PER IL NOSTRO FUTURO SINDACO”: in questo articolo ogni civitanovese potrà votare una domanda da fare ai 5 candidati alla carica di Sindaco: Luisella Cellini, Claudio Tommaso Corvatta, Mirella Emiliozzi, Massimo Mobili, Laura Ruggeri.
Le domande verranno proposte dagli utenti del gruppo Facebook “Civitanova Speakers’ Corner” (è possibile anche lasciare un commento a questo articolo con la vostra domanda) e le dieci che riceveranno più voti (tramite il sondaggio che trovarete in questa pagina tra qualche giorno) verranno poi girate ai vari candidati che vorranno accettare la nostra intervista. La domanda dovrà essere una unica per tutti e 5 i candidati, non verranno prese in considerazioni domande indirizzate ad uno solo dei candidati.

Luisella Cellini: ha accettato la nostra intervista

Claudio Tommaso Corvatta: in attesa di risposta

Mirella Emiliozzi: ha accettato la nostra intervista

Massimo Mobili: ha accettato la nostra intervista

Laura Ruggeri: in attesa di risposta

Civitanova in 500

Il club “La Banda Del Cinquino” organizza il 29 aprile a Civitanova Marche il 1° Raduno Fiat 500. Raduno che capita, dunque, nel ponte del 1° Maggio.
Il club e’ stato fondato lo scorso autunno,visto i molti amatori presenti nelle nostra citta’ rimasti senza un club dopo la morte del grande Vincenzo Gattafoni di Civitanova Alta. Uniti da una grande passione, dopo aver fondato questo nuovo club, i civitanovesi amanti delle piccole e intramontabili Fiat 500 hanno deciso dunque di organizzare, visto anche il grande successo che questo generi di eventi ha in giro per l’Italia, un raduno nella nostra città. Al momento “La Banda del Cinquino” può contare su 36 soci di cui 8 amministratori.
Per maggiori informazioni: clicca qui

Terremoto nel maceratese: 3.2 della scala Richter

Un terremoto di magnitudo 3.2 (scala Richter) è stato registrato alle ore 09:08 di questa mattina nella provincia di Macerata. L’epicentro del sisma, tra i comuni di MACERATA (MC), MONTECASSIANO (MC), MONTEFANO (MC),  ha avuto una profondità di circa 7,7 km. Al momento non sono segnalati danni a cose o persone.

Fonte: Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Verso le elezioni: domani si conosceranno tutte le liste

Continua la marcia di avvicinamento alle elezioni comunali. Scade domani il termine ultimo per la presentazione delle liste elettorali. Tra le novità da segnalare c’è l’appoggio da parte della Lega Nord al sindaco uscente Massimo Mobili. 18 i nomi in lista per il partito del carroccio (vai alle liste).  Sono dunque 5 le liste in appoggio di Mobili: LiberaVince Civitanova, Pdl, Insieme per Civitanova e, l’ultima arrivata, Lega Nord.

Per quanto riguarda il centrosinistra ancora non si hanno certezze sulle liste che appoggeranno la candidatura di Claudio Tommaso Corvatta. Per il momento ci sono: Uniti per Cambiare, IDV, SEL e PD e l’ultima arrivata “Federezione della Sinistra”.

Per quanto riguarda il PD ufficializzata la lista dei candidati presentata e approvata sabato scorso (Fonte: Cronache Maceratesi): Silenzi Giulio, Micucci Francesco, Bacaro Emilia, Angelini Daniele Maria, Consiglio Mirta, Cognigni Sergio, Franco Mirella, Colucci Antonio, Iezzi Lidia, Di Feo Nicola, Manili Maria, Mariani Davide, Marinelli Silvia, Morresi Giorgio, Rutili Roberta, Ninonà Luigi, Sglavo Antonella, Postacchini Gustavo, Tessitore Natalia, Ribichini Giovanni, Riccione Angelomaria, Rosati Yuri, Tordini Tarcisio, Vallesi Alessandro.

Presentata la scorsa settimana la candidata sindaco per l’UDC,  Laura Ruggeri, che nel corso della sua animata conferenza (leggi l’articolo) ha illustrato il programma riguardante famiglia, sociale, imprese e verde pubblico. Presentati alcuni dei candidati in lista tra cui l consigliere uscente Simone Garbuglia, Paolo Polidori, Marino Miccini, Francesco Sagretti, Piero Natalini, Marco Caserta e Gabriele Troiani (ex Ancora).Tra i nomi presenti in lista mancano al momento quelli di Perugini, Biritognolo e Taffoni.

Confermato l’arrivo di Beppe Grillo in città per supportare il MoVimento 5 Stelle, il 12 aprile (evento gratuito). Probabilmente quello di Grillo non sarà l’unico passaggio di un “big” a Civitanova nei giorni che precederanno le elezioni.

Entro domani si sapranno tutti gli schieramenti. Che la sfida abbia inizio.

Il 14 e 15 aprile arriva il “Civitanova Wine Festival”

Al via il primo Wine Festival a Civitanova Marche il 14 e il 15 aprile. I locali dell’Ente Fiera ospiteranno oltre 40 cantine marchigiane per un quantitativo di 120 etichette da degustare, grazie all’organizzazione dell’associazione Enogastronomia.it col patrocinio del Comune e della Camera di commercio.

L’intento primario della manifestazione è quello di incoraggiare i prodotti marchigiani e di incrementarne il loro utilizzo nella nostra regione.

Ricco il programma delle due giornate: l’incontro per la giornata di sabato è previsto dalle 16 alle 23 mentre per la giornata di domenica l’appuntamento è dalle 10 alle 22.
L’ingresso all’evento è di 10 euro per i visitatori, con un rimborso di 3 euro per chi usufruirà della tratta ferroviaria Civitanova-Albacina. L’invito è gratuito invece per tutti gli operatori del settore (ristoratori, commercianti, grossisti e distributori) con un semplice accredito da richiedere online al sito www.civitanovawinefestival.it
“La vita è troppo breve per bere vino cattivo”: in alto i bicchieri!

Per leggere l’articolo del 16 marzo 2012 “Civitanova Wine Festival – 1ª edizione” clicca qui

Civitanova: It’s time to shop your future

Aria di novità a Civitanova Marche: oggi sabato 31 marzo alle ore 18 in via Duca degli Abruzzi verrà inaugurato Eco:Y, un temporary store di prodotti ecosostenibili di moda e design.

Eco:Y è un progetto nato grazie alle idee dei fratelli Christian e Pamela, di Urbisaglia, che hanno scelto di proporre prodotti esclusivamente ecocompatibli, a minor impatto ambientale, non volendo comunque rinunciare allo stile e alla moda. Nella loro boutique potrete trovare pezzi artigianali e unici (accessori, oggettistica, cosmesi e molto altro) che garantiscono il pieno rispetto dell’ambiente.
Il loro slogan: “Shop your future!”. I titolari sono, infatti, convinti che scegliendo prodotti che preservano l’ambiente, saremo poi in grado di comprare il nostro futuro. Per chi fosse impossibilitato a visitare il negozio è anche possibile comprare online tramite il sito www.ecoy.it